News

Cancro avanzato, l’intervento psicologico funziona contro il distress

Roma, 26 giugno 2017 – La diagnosi di tumore in stadio avanzato evoca un enorme disagio psichico (distress) nei pazienti che si sentono sopraffatti dalle sfide cui devono sottoporsi. In molti centri oncologici, tuttavia, non sono disponibili approcci sistematici per aiutare i malati e le famiglie ad affrontare il carico pratico ed emotivo del cancro avanzato. Lo studio CALM (Managing Cancer And LivingMeaningfully) è stato presentato all’ultimo congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si è svolto a Chicago dal 2 al 6 giugno 2017. La ricerca è stata illustrata dal dott. Gary Rodin del Princess Margaret Cancer Centre di Toronto nel pomeriggio, che prevedeva un breve intervento psicologico sui pazienti (sessioni orali di 45-60 minuti per 3-6 mesi con professionisti quali psichiatri, psicologi, medici specialisti in cure palliative) può alleviare il distress. Il 52% dei pazienti (numero totale 305) che ha ricevuto questa terapia ha notato importanti riduzioni dei sintomi depressivi, rispetto al 33% di quelli sottoposti alle cure attuali. L’effetto positivo è stato osservato a 3 mesi e si è mantenuto anche a 6 mesi (64% vs 35%), anche preparando i pazienti al fine-vita.